domenica 7 ottobre 2012

Il piacere di viaggiare

Oscar Wilde una volta scrisse: " Non riesco a sopportare quelli che non prendono seriamente il cibo".
Credo che Oscar avesse ragione: il cibo è una cosa seria. E' una delle più grandi gioie della vita e troppo spesso lo diamo per scontato. Ho letto che c'è chi dice che oggi si è ciò che si butta e vergognosamente, credo, buttiamo davvero troppo.
Amo parlare di cibo con chi il cibo non ce l' ha e che non si sognerebbe mai di buttarlo. Sembra meschino ma non lo è affatto. Ogni volta che lo faccio, imparo ad apprezzare di più la possibilità che ho avuto di assaporare, provare, godere degli aromi più diversi che la tradizione culinaria mondiale mi ha permesso di conoscere. Prima pensavo che raccontare il cibo a chi non ce l' ha fosse malvagio. Bè, ho imparato che non è così, non lo è affatto. Ho imparato che queste persone amano sapere, conoscere ed immaginare. Con loro, chiudendo gli occhi, ho viaggiato per il mondo provando ogni sorta di prelibatezze. A volte sento i nostri ragazzi chiaccherare su quanto siano buoni i diversi gusti di gelato italiano, su quali siano i migliori sughi per la pasta e su quale pizza merita il primo premio per la prelibatezza. Io ne sono orgogliosa perchè non ne parlano con tristezza ma con grande allegria. Sentono di conoscere e se ne vantano. A mio avviso, è meraviglioso. 
Dalla metà di settembre sono in Italia per un breve periodo. Prima di partire ho promesso ai miei ragazzi che avrei assaporato una prelibatezza a scelta per ognuno di loro. Devo mantenere la mia parola e cerco di farlo nel modo migliore: assaporo con dedizione ogni piatto che chi mi ama sta regalandomi, mi godo i profumi, i colori e le meraviglie che tanto mi mancano in Nicaragua. Appunto su un piccolo quaderno, che mai mi abbandona, ogni locale, ristorante e negozio culinario che mi ha regalato un' emozione. Questo è per me il piacere di viaggiare e da oggi, di tanto in tanto, racconterò le mie tappe culinarie  in questa pagina.

Foto dal web
Comincio da Roma, la città eterna. Poco dopo il mio arrivo in Italia sono stata a pranzo in una delle più antiche osterie della capitale: " Antica Osteria Rugantino", nel caratteristico quartiere di Trastevere, ovvero la Roma de li romani. E' davvero un luogo che merita di essere scoperto. Il personale, in costume da Rugantino, è dinamico e mette subito a proprio agio. L' ambiente è molto rustico e davvero caratteristico. E' il ristorante ideale per assaporare i piatti tipici della tradizione romana.  Ci è stato consigliato di provare il misto di primi ed è stato davvero un' esplosione di sapori. La pasta è rigorosamente fatta in casa e i sughi sono spettacolari. Abbiamo provato la carbonara, l' amatriciana e la cacio e pepe. Una vera meraviglia! Abbiamo poi assaporato diversi tipi di secondi tra i quali hanno dominato l' abbacchio allo scottadito e i saltimbocca alla romana. Il rapporto qualità prezzo è davvero ottimo. Si può assaporare un meraviglioso primo piatto da lasciare estasiati dai 7 ai 9 euro. E non scordatevi di accompagnare il tutto con un buonissimo vino dei castelli! Quindi, come dicono al Rugantino: " Se bene voi magna', all'osteria più antica de Roma te devi da ferma'!"

35 commenti:

  1. Cara Diana,post ricco mi ci ficco!!!!!Bellissimo omaggio a Wilde e a Roma....Grande!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Roma è meravigliosa.... e anche Wilde! Un abbraccio!

      Elimina
  2. La prossima volta che mi trovo da quelle parti ci andrò sicuro!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Benissimo... poi fammi sapere se ti sarà piaciuto come a me! Un abbraccio!

      Elimina
  3. Ciao Diana, bello il post e superlativa l'idea, ho colto lo spirito da cui è nata penso che stai facendo un'altra bella cosa.
    Questi primi mi che hai nominato mi fanno venire fame. Belle le fotografie, hanno un che di suggestivo. Non so dirti quanto sono felice che sei tornata, a presto, un grande abbraccio.
    Antonella

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Antonella di tutte le cose belle che mi dici sempre. Anch' io sono contenta di essere tornata, il blog dà sempre delle belle soddisfazioni. Un caro abbraccio, a presto.

      Elimina
  4. Ciao Diana, che bello tornare a leggerti! Quindi sei stata qui un Italia. Bellissima questa tua "proposta" / rubrica. Intanto mi appunto subito questa trattoria perché a roma ci vado spesso. Non vedo ora di conoscere le altre tappe. Bentornata cara!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao carissima! Sono felice che tu sia passata a trovarmi! Spesso proviamo cibi buonissimi e dopo poco tempo ci dimentichiamo dove fossero e come tornarci. Per questo ora mi annoto tutto nel mio super quadernino! Se passi dal Rugantino, mi raccomando fammi sapere le tue impressioni. Un carissimo abbraccio!

      Elimina
  5. Bentornata carissima Diana...Bello questo post. Posso rubarti la frase citata da Wilde sul cibo? A dire il vero volevo scrivere anch'io sul mio blog un articolo sul cibo e chi non lo sa apprezzare. Un bacio. A presto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo che puoi "rubare" la frase! Sono felice che tu sia passata a trovarmi! Non vedo l' ora di leggere il tuo post sul cibo e chi non lo sa apprezzare. Un abbraccio!

      Elimina
    2. Grazie cara Diana.....non so perchè ma mi sembra quasi di conoscerti da sempre....Sei una persona speciale....Un abbraccio

      Elimina
  6. Bentornata! Seguirò il tuo viaggio nel gusto, mi pare molto bella l'idea di far amare il nostro cibo anche a chi ne è così distante per km e per opportunità.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Marzia! Sono felice che tu segua il mio viaggio del gusto! So che può sembrare assurdo parlare di cibo a chi ne ha poco ma in realtà loro ne sono davvero felici, li fa sentire partecipi di qualcosa che credevano di poter mai conoscere. Sono felice che tu sia passata. Ti abbraccio

      Elimina
  7. Ciao Dianina, eccoti qui più in forma che mai.
    Voglio proprio vedere questa carellata di gusti che posterai, sarà davvero tutto molto curioso.
    Da Rugantino io non lo posso dimenticare, l'amatriciana spettacolare.
    Ciao ciao, ti abbraccio forte....... di persona!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao mammina! Certo che non lo possiamo dimenticare il Rugantino... è stato un pranzo indimenticabile!
      Ti abbraccio forte forte anch' io.... di persona!

      Elimina
  8. E' stato un piacere leggere il tuo post e visitare il tuo blog,grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te per essere passata! Un abbraccio!

      Elimina
  9. Dianina bella mia!!! mìììì sparita eri? preoccupata mi sono!!!!
    hahahaahha te l'ho scritto un po'forzato alla sarda!!!! Però ciò che non è uno scherzo è che ti stavo aspettando davvero! Ho rotto le scatole anche a Carla!!!!
    L'idea delle vecchietrattorie è sublime...se non fosse che non se po' fà...In tua assenza ho deciso di mettermi a dieta ed ho anche aperto un blog su questa cosa....poi tu mi parli di amatriciana....SLURP!...carbonara...GNAMMMMMM!!!...ma io come faccio???

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciaooooooooooooooooo!!!!!!!!!!!!!! Sono felice di esserti mancata! ;)
      Anche voi mi siente mancata! Le diete..... sono proprio una cosa triste ma ogni tanto ci vogliono proprio! Ti abbraccio forte, a presto e grazie per esserti preoccupata per me!

      Elimina
  10. Il cibo si che è una cosa seria perchè è una parte significativa di ciò che noi diciamo genericamente "casa". I colori i profumi e i sapori si fissano nella mente.
    E poi una amatriciana come si deve.... fa stare bene!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai proprio ragione! Il buon cibo fa stare bene!

      Elimina
  11. ciao Diana!!!!!! che bello tornare a leggerti, mi sono mancati i tuoi racconti, a metà fra la realtà e il sogno.. Sono ansiosa di leggere questa tua nuova "rubrica", la trovo una splendida iniziativa, bravissima :)
    un abbraccio, a presto
    zy

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie per essere passata di qui! Ti abbraccio, a presto

      Elimina
  12. bella questa idea delle tappe culinarie! Mi piace e ti leggerò con piacere

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ti va di inserire la funzione che mi permette di seguirti inserendo la email?

      Elimina
    2. Ciao Giorgia! Sono felice che ti piaccia questa idea!.... cerco di capire come mettere questa funzione... sono un po' impedita in queste cose ma ci voglio riuscire! Un abbraccio

      Elimina
  13. Intanto bentornata!
    Però, da romana, fammi dire che Trastevere non è più il quartiere dei romani, ma dei turisti! :)
    Però, dai, l'importante è che ti sia piaciuto e che tua abbia apprezzato la nostra cucina. Un bacio, a presto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, sicuramente è un quartiere pieno di turisti e a noi turisti piace pensare che sia la Roma de li romani....quali sono i quartiere più romani? Mi piacerebbe andare a vederli? Attendo tuoi consigli! Un abbraccio!

      Elimina
  14. sei in Italia? non potevi scegliere città più bella per la tua sosta nella penisola! anch'io ci sono stata da poco ed è sempre meravigliosa! baci! Mariella

    RispondiElimina
  15. Si, sono in Italia ancora per qualche settimana... poi si riparte. Mi sto godendo la compagnia di chi amo e le bellezze del nostro paese. Grazie per essere passata da me. Un abbraccio

    RispondiElimina
  16. Bentornata cara, che piacere rileggerti!!! Complimenti per il bellissimo post!!! Un abbraccio e felice giornata

    RispondiElimina
  17. Bentornata!!! Ci sei mancata molto!!! E leggere questo post si parla della bontà della cucina italiana e romana non può che mettere il buonumore!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Mery! Le bontà italiane sono sensazionali! Ti abbraccio forte e a presto!

      Elimina
  18. bentornata!!!!
    la penso come te riguardo al cibo... grande passione e grande rispetto.
    è stato un piacere ritrovarti nella mia cucina, a presto.
    un abbraccio

    RispondiElimina
  19. La Diana è tornataaaaaa!
    Meno male!
    Che bella questa iniziativa dei sapori con dedica a chi li può solo immaginare...come fai tu, con rispetto, delicatezza e tanta dolcezza.
    Sei partita col botto addirittura da Roma...buon viaggio culinario allora.
    Un bacio.

    RispondiElimina